Come fare acquisti con maggiore attenzione alle persone e all’ambiente?

Cos’è la moda più sostenibile?

Quando un consumatore acquista un prodotto alimentare vegano, può dare per scontato che sia vegano al 100%, ma se il consumatore acquista una maglietta “sostenibile”, resta da vedere se la maglietta è davvero buona per gli esseri umani, gli animali e l’ambiente. Perché, nel settore della moda, non esiste ancora un elenco di punti che un prodotto deve soddisfare per essere etichettato come “sostenibile”. Il problema è che sostenibile non è un termine regolamentato, né un termine o un’etichetta protetta. Di conseguenza, le aziende e i marchi di moda sono abbastanza liberi di etichettare un prodotto come sostenibile o ecologico. Per esempio, un marchio può presentare un capo come “sostenibile” se è realizzato con materie prime più sostenibili, ma questo non significa necessariamente che sia stato prodotto in modo sostenibile o che sia stato pagato un salario di sussistenza ai lavoratori del settore tessile, e così via.

fabbrica di vestiti

Cosa si intende per moda più sostenibile?

L’abbigliamento più sostenibile è quello realizzato nel rispetto e nella considerazione del pianeta, degli animali e delle persone. Ciò include buone condizioni di lavoro, salari equi per la manodopera tessile e l’uso di prodotti che danneggiano l’ambiente il meno possibile, dalla coltivazione delle materie prime alla lavorazione (dei tessuti), come la tintura e la stampa. Comunque, è importante notare che la sostenibilità al 100% non esiste ancora.

Non è facile stabilire se l’abbigliamento sia davvero più sostenibile. Ecco alcuni suggerimenti e trucchi:

1. Valutare la sostenibilità di un marchio nel suo complesso, non solo una singola linea verde.
Per farlo, fate i compiti a casa. Leggete le politiche di sostenibilità dei marchi sui loro siti web. “Un’azienda che si sta comportando bene non vi dice solo cosa sta già facendo, ma anche dove è in difetto e come intende raggiungere i suoi obiettivi”, ha dichiarato a Het Parool Marieke Eyskoot, esperta olandese di sostenibilità.

tessuti in poliestere

2. Scoprite altre piattaforme di shopping sostenibile
Attraverso ecoFASHION! potete trovare la moda sostenibile nei negozi locali più vicini a voi. Nominando l’impatto ambientale, le condizioni di lavoro, la trasparenza e/o il benessere degli animali dei marchi di moda.

3. Controllate l’etichetta per vedere di quali materiali è fatto l’indumento

Cercate di evitare materiali sintetici o prodotti artificialmente, come il poliestere. Lo stesso vale per gli indumenti realizzati con materiali misti perché, come sapete, non sono facili da riciclare (vedi riquadro 1). E a proposito di riciclo: se sull’indumento c’è scritto “plastica riciclata”, di solito non si tratta di indumenti scartati e riciclati, ma spesso di vecchie bottiglie in PET.

4. Slow fashion o sartoria
La slow fashion è nata come reazione all’irruzione delle tendenze veloci e della moda usa e getta, collezioni senza stagione (e/o senza tempo) che si concentrano sull’artigianato e sulla qualità. Ed è considerata made-to-measure: abiti fatti su misura. Ovvero, non vengono realizzati prima, ma una volta effettuato l’ordine. Proprio come la sartoria. Se desideri sapere di più sul fast fashion, puoi ottenere maggiori informazioni su questo articolo.

diversi tipi di capi

Tuttavia, la sostenibilità al 100% è ancora un obiettivo da raggiungere, e le pratiche sostenibili possono variare da marca a marca.
In definitiva, fare acquisti sostenibili richiede ricerca, consapevolezza e un impegno verso pratiche che rispettino l’ambiente e le persone coinvolte nella produzione di abbigliamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fail Forward – Linus con Laura De Sario di Cloudrobe

Video Intervista Di Repubblica TV in cui Laura De Sario descrive a Linus tutti gli aspetti di Cloudrobe.