fbpx
I 5 aspetti negativi del fast fashion

I 5 aspetti negativi del fast fashion

I 5 aspetti negativi del fast fashion

Perchè evitare il fast fashion e come contrastarlo

Fast fashion è un termine utilizzato per descrivere l’industria della moda che produce abbigliamento a basso costo e in grandi quantità per soddisfare le tendenze attuali. 

Mentre può sembrare attraente per i consumatori, ci sono molti aspetti negativi del fast fashion che devono essere considerati, come esposto nei servizi de ‘Le Iene’ andati in onda le scorse settimane in 3 puntate il 6 dicembre, il 13 dicembre e 10 gennaio.

fast-fashion-aspetti-vegativi-sfruttamento-lavoratori
  • 1) L’impatto del fast fashion sull’ambiente

La produzione di abbigliamento a basso costo richiede l’utilizzo di grandi quantità di risorse naturali e genera una quantità significativa di rifiuti e inquinamento. Le fabbriche di abbigliamento spesso utilizzano sostanze chimiche tossiche e scaricano i loro rifiuti in fiumi e laghi, causando danni ambientali irreparabili.

  • 2) Lo sfruttamento dei lavoratori nel fast fashion

Le fabbriche di fast fashion spesso utilizzano lavoratori a basso costo in paesi in via di sviluppo, dove le leggi sui diritti dei lavoratori sono deboli o inesistenti. I lavoratori spesso lavorano in condizioni precarie e per lunghe ore per guadagnare solo pochi euro al giorno inluoghi che spesso non hanno misure di sicurezza adeguate, provocando incidenti e infortuni per i lavoratori. Ad esempio, il crollo della fabbrica Rana Plaza in Bangladesh nel 2013 ha causato la morte di 1.134 persone e il ferimento di molti altri.

fast-fashion-fast-fashion-aspetti-negativi-non-sostenibile
  • 3) Sostenibilità a lungo termine

Il fast fashion incentiva i consumatori a comprare abbigliamento nuovo e alla moda ogni stagione, piuttosto che investire in capi di qualità che dureranno per anni. Ciò significa che gli abiti vengono spesso indossati solo pochi volte prima di essere buttati via, contribuendo all’enorme quantità di rifiuti tessili che finisce nei nostri siti di smaltimento.

  • 4) Pressione sull’economia locale

Il fast fashion spesso sostituisce i produttori locali e artigiani con fabbriche a basso costo in paesi in via di sviluppo, mettendo a rischio le economie locali e l’occupazione.

fast-fashion-contrasta-reciclo
  • 5) Poca trasparenza

Spesso è difficile sapere da dove proviene l’abbigliamento e come è stato prodotto, rendendo difficile per i consumatori fare scelte informate sull’acquisto di abbigliamento sostenibile

In conclusione, il fast fashion ha molti aspetti negativi, dall’impatto ambientale allo sfruttamento dei lavori.

Cosa possiamo fare?

Ponderare i nostri acquisti pensando bene a ciò che realmente ci serve e comprando ciò che davvero ci piace, informandoci sulla provenienza dei capi.

Evitare di buttare ciò che è ancora in buono stato ma non utilizziamo più, regalandolo alle numerose associazioni oppure vendendolo nei marketplace di second-hand.

Chiediamoci sempre: perchè costa così poco? Ne ho davvero bisogno? Mi piace davvero tanto?

fast-fashion-pondera-acquisti

Come può aiutarti Cloudrobe?

Con cloudrobe puoi conservare il tuo cambio di stagione e i vestiti che utilizzi occasionalmente evitando di conservarlo in posti umidi come la cantina dove i capi si potrebbero rovinare o di dimenticarti o non trovare dei capi che tiservono e comprerne di nuovi.

www.cloudrobe.it

IN BREVE

Perchè evitare il fast fashion e come contrastarlo

  • Impatto ambientale negativo
  • Sfruttamento dei lavoratori e assenza di sicurezza sul lavoro
  • Mancanza di sostenibilità
  • Pressione sulleconomia locale
  • Poca trasparenza

Come evitarlo:

  • Ponderiamo gli acquisti
  • Inofrmiamoci sulla provenienza
  • Ricicliamo
  • Conserviamo correttamente

 

Cloudia-Home
Regali di Natale ecosostenibili: vestiti e accessori

Regali di Natale ecosostenibili: vestiti e accessori

Regali di Natale ecosostenibili: vestiti e accessori

Come fare regali di Natale più sostenibili per rispettare l’ambiente e ridurre gli sprechi con vestiti e accessori ecosostenibili.

Caro Babbo Natale, quest’anno vorrei… un Natale senza sprechi e che rispetti l’ambiente!

Premesso che i regali devono sempre essere fatti col cuore, ossia pensando alla persona a cui lo stiamo facendo, ai suoi gusti e alle sue esigenze e che non servono mille regali, ne basta uno fatto bene, ecco i nostri consigli per scegliere i regali in modo etico e sostenibile:

regali-natale-sostenibili-vestiti-bamboo
  • 1) Guardiamo la composizione dei vestiti che vogliamo regalare

Scegliamo aziende che lavorano con prodotti naturali.
Conosecte Innbamboo® ? E’ un’azienda toscana specializzata in moda e accessori in filato di bambù che propone foulard per adulti e ragazzi composti al 70% di fibra di bambù e al 30% di cashmere

regali-natale-sostenibili-on-demand
  • 2) Vestiti e accessori da regalare On demand

Ordianiamo prodotti on demand, realizzati su commissione evitando così di produrre più del necessario. So What, con la sua produzione di abbialgliamento sportivo, oltre a operare su unmodello di business pre-ordine, per cui ogni capo viene prodotto solo quando un acquirente effettua un ordine, utilizza materiali sostenibili, riciclati e coloranti a base d’acqua, vegani, biodegradabili.

regali-natale-sostenibili-vestiti-second-hand
  • 3) Capi pre-loved anche come ragalo di natale

Regali Second-hand. Che sia online o un negozio fisico, ormai l’abbiamo sdoganato. Magari non per tutti, ma se si tratta di amici che sappiamo che apprezzano, o di un regalo per noi o per la nostra famigli, possiamo certamente puntare sul pre-loved.
Alcuni esempi? Vestiaire collective, Vinted, DePop, Vestèe

regali-natale-sostenibili-pacaking-imballaggio
  • 4) Scegli la sostenibilità anche nell’imballaggio dei tuoi regali

In fine facciamo attenzione anche al packaging! Carte riciclata e stoffa sono top! Scateniamo la nostra fantasia per un imballaggio unico ed originale, che utilizzi materiali ecosostenibili e riciclando ciò che abbiamo in casa.

IN BREVE

Regali di natale ecosotenibili:

  • Cerca prodotti fatti con materiali naturali, riciclati e riciclabili
  • Acquista On Demand
  • Guarda nel second-hand
  • Utilizza imballaggi ecosotenibili
Cloudia-Home

5 punti importanti se devi ristrutturare casa

5 punti importanti se devi ristrutturare casa

5 punti importanti se devi ristrutturare casa

Devi ristrutturare casa e non sai da dove cominciare? Ecco 5 punti importanti da tenere in considerazione.

Ristrutturare casa è un’impresa che richiede molte attenzioni ed energie, perchè implica molti punti da tenere in considerazione
Se dobbiamo ristrutturare una casa vuota, abitando ancora nella nostra casa, abbiamo meno incombenze. Ma non sempre siamo così fortunati!
Ristrutturare una casa abitata, o ristrutturare una casa vuota ma non avendo la possibilità di rimanere nella casa casa in cui si sta vivendo, richiede molti pensieri in più!
Ecco i 5 punti punti fondamentali da considerare quando si decide di ristrutturare casa:

ristrutturazione-casa-sistemazione-alternativa
  • 1) Dove andare mentre si ristruttura casa

Cerca una sistemazione per l’intero periodo in cui dovrai ristrutturare casa. Anche se ristrutturi solo una parte della casa, non sempre puoi rimanere lì. Meglio considerare sin dall’inizio delle alternative per il soggiorno durante il periodo di ristrutturazione (ed eventuali imprevisti di tempistiche nella consegna)

  • 2) Ascolta i consigli degli esperti nel campo delle ristrutturazioni

Presenta le tue idee ad architetti e costruttori, ma non impuntarti su cose che ti dicono che non si possono fare! Alcuni costruttori, per cercare di accontentarti, potrebbero farti dei lavori che in futuro (magari anche non troppo lontano) potrebbero presentare dei problemi.

ristrutturazione-casa-architetto-impresa
  • 3) Esponi tutti i lavori di ristrutturazione che vorresti fare

Pensa bene a tutti i lavori che vuoi fare: aggiungere qualcosa in corso potrebbe costarti caro, dovendo intervenire su opere già fatte.

  • 4) Non dare nulla per scontato!

Chiedi sempre se al preventivo devi aggiungere extra-costi e fai una stima di quello che non è compreso per aevre una panoramica che si avvicini il più possibile al costo finale. Considera anche che quando si fanno dei lavori, ci possono essere degli imprevisti per cui si devono fare interventi extra. Per questo aggiungi sempre un 5% da utilizzare in questi casi.

ristrutturazione-casa-storage-vestiti
  • 5) Per ristrutturare, la casa deve essere vuota

In fine, se la casa è abitata, pensa che prima di ristrutturare la devi svutare. Dai mobili, agli oggetti, ai vestiti, devi avere un posto sicuro dove metterli temporanemanete.
Per gli oggetti e i mobili puoi prendere in affitto uno spazio nei self storage come Casaforte e Easybox, mentre per i vestiti puoi affidarli a Cloudrobe.
Cloudrobe è l’innovativo servizio per la cura e lo storage di abbigliamento e accessori. Puoi affidare a Cloudrobe tutto ciò che è di utilizzo stagionale od occasionale o che per altri motivi, come una ristrutturazione non puoi tenere in casa.
Cloudrobe ritira a domicilio e da una parte archivia i capi in apposositi spazi all’interno dei propri magazzini, dall’altra fornisce al cliente una piattaforma digitale dove è possibile vedere tutti i propri capi in archivio grazie a foto professionali e descrizioni dettagliate e richeiderli solo quando servono.
I vestiti hanno bisogno di essere archiviati con cura, appesi o piegati in base a tipologia e tessuti, in appositi involucri. Per questo Cloudrobe è la soluzione perfetta! Inoltre, con cloudrobe potrai ricordarti sempre dei tuoi vestiti, e recuperarli con un click!
Per info www.cloudrobe.it
Telefono: 02 4070 7428
Email: hello@cloudrobe.it
WhatsApp: 392 4354092

IN BREVE

5 punti importanti se devi ristruturare casa:

  • Cerca una sistemazione alternativa
  • Ascolta i consigi di architetti e costruttori
  • Elenca tutti i lavori che vorresti fare
  • Informati su eventuali costi extra esclusi dal preventivo
  • Contatta soluzioni per svutare casa: Self-storage per mobili ed oggetti, Cloudrobe per abbigliamento e accessori
Cloudia-Home

Matrimonio: abito e location perfetti

Matrimonio: abito e location perfetti

Matrimonio: abito e location perfetti

Ti devi sposare e non sai da dove cominciare?
Comincia a definere il tuo stile… tutto il resto verrà da se 😉

Se hai ben chiaro che stile desideri per il tuo matrimonio, sarà tutto più semplice: dalla scelta dell’abito a quella della location e delle bomboniere.

Comiciamo! Sceli il tuo stile:

vestito-sposa-boho-chic
  • Boho Chic:

    Un po’ hippy, un po’ gipsy, un po’ country, un po’ vintage con l’aggiunta di un po’ di chic, ecco che avrete il vostro matrimonio perfetto in stile boho chic.
    – Abito: linee morbide che ricadono elegantemente sulle forme del corpo, valorizzando la femminilità e la raffinatezza della silhouette.
    – Location: luoghi spaziosi all’aria aperta valorizzando la natura.
    – Allestimento: fiori secchi, elementi dorati, tessuti di cotone e lino.

  • Country Chic:

    Richiama la campagna, i sapori naturali
    – Abito: in pizzo con linee morbide e sensuali che richiamano un outfit bucolico e retrò.
    – Location: Tendenzialmente un matrimonio country chic è all’esterno, in un punto circondato da tanti alberi che cadono a spiovente sui tavoli in cui si siederanno gli invitati. Che sia un casale o una masseria o un agriturismo, l’importante è che il contesto cittadino sia ben lontano e che la natura sia presente in ogni angolo.
    – Allestimento: balle di fieno, steccati di legno, strutture in mattoni e tutto ciò che dia l’idea di campagna.

  • Shabby Chic:

    Stile antico, utilizzato in chiave moderna e fresca.
    – Abito: linee morbide con una scollatura moderata e meravigliosi giochi in pizzo che mettono in risalto la scollatura davanti e sulla schiena.
    – Location: agriturismi, masserie, cascine, ville, dimore o casali che rievocano l’atmosfera della Bretagna e della Provenza, sono la cornice perfetta specie se dotati di un romantico e ampio giardino, meglio ancora se con alberi da frutto o con un roseto. Gli invitati potranno essere accolti in una sala decorata, sormontata da un gigantesco lampadario in cristallo, oppure in giardino, all’interno di gazebi dai tendaggi bianchi, arredati con antichi specchi, ceste di vimini e innaffiatoi trasformati in fioriere. In alternativa si può pensare anche ad un pic-nic wedding.

    vestito-sposa-simply-chic
    • Principesco:

      Classico e tradizionale matrimonio da sogno
      – Abito: con gonna ampia, lo strascico e, magari, anche un velo importante, che ricade sulle spalle. Può essere perfetto anche un modello a sirena, elegante e raffinato.
      – Location: grandi ville residenziali tra saloni affrescati, tavole regali, lampadari sontuosi e i preziosi arredi.

    • Simply Chic:

      Matrimonio semplice, dove, però, niente è lasciato al caso.
      – Abito: linea minimal, ma elegante e raffinata. Il colore più usato per un matrimonio in stile simply chic è il bianco.
      – Location: ville moderne

    • Urban Style:

      Matrimonio urbano, moderno, cosmopolita ed elegante.
      – Abito: La sposa, moderna e sofisticata, sceglierà un abito non convenzionale, asimmetrico, corto e particolare, per creare un outfit contemporaneo e ricercato.
      – Location: è d’obbligo la città. Perfetti tutti gli spazi industriali recuperati, un loft, o anche una bellissima terrazza panoramica con vista su un paesaggio metropolitano.

    vestito-sposa-barocco
    • Barocco:

      Il Barocco o per meglio dire il “Nuovo Barocco” caratterizzato dalla ricchezza di sfaccettature con elementi stilistici particolari e di grande effetto.
      – Abito: Senza dubbio dovrà avere un lungo strascico e una gonna voluminosa, non eccessivamente aderente e con il corpetto ricoperto dal pizzo. Lucidi tessuti champagne o cipria caratterizzano l’abito da sposa, al quale vengono aggiunti accessori dorati.
      – Location: preferibilmente una villa secentesca con sale affrescate e grandi lampadari in cristallo.

    • Bucolico:

      Le tre parole chiave per un matrimonio in stile bucolico sono: retro, semplicità e note chic.
      – Abito: linee semplici e con dettagli retro, arricchito da applicazioni di pizzo sul corpetto e di tulle sulla gonna.
      – Location: rurale e immersa nel verde, caratterizzano il matrimonio vari elementi in legno e in ceramica e i fiori “ di campo”.

    vestito-sposa-rock
    • Vintage:

      Sono tre i colori su cui far riferimento per un matrimonio vintage: bianco, avorio e nuance polvere.
      – Abito: a principessa con gonna voluminosa oppure l’abito a sirena in pizzo. Non può mancare il velo, decorato con le stesse applicazioni in pizzo dell’abito.
      – Location: se si desidera un ricevimento elegante e formale, è preferibile un palazzo storico o una villa liberty, ed in generale una dimora storica che abbia un’aura ricca di fascino e con decorazioni originali di inizio 900.

    • Rock:

      Ovviamente non può mancare la musica!
      – Abito: La prima norma da seguire per individuare il perfetto vestito da sposa rock è… dimenticare ogni convenzione a favore della trasgressione. La futura sposa che non vuole rinunciare alla sua inclinazione verso borchie, total black e giacche in pelle potrà riportare alcuni di questi tratti alternativi anche nel giorno del matrimonio. Un pizzico di creatività e tanta voglia di osare saranno le carte vincenti.
      Location: grandi spazi all’aperto, non troppo curati e per nulla barocchi, in cui allestire un palco per la band, oppure taverne o vecchi edifici industriali, un po’ trasandati ma dall’animo super chic.

    IN BREVE

    Country Chic 

    • Orgnizza il tuo matrimonio partendo dal tuo stile

    • Scegli il tuo stile per abito e location
    • Boho Chic
    • Country Chic
    • Shabby Chic
    • Principesco
    • Simply Chic
    • Urban
    • Barocco
    • Bucolico
    • Vintage
    • Rock
    Cloudia-Home
    Tarme dei vestiti: come scoprirle e come eliminarle

    Tarme dei vestiti: come scoprirle e come eliminarle

    Tarme dei vestiti: come scoprirle e come eliminarle

    I consigli dell’esperto per scovare, eliminare e prevenire le tarme dei vestiti

     

    Avete trovato dei buchi nei vostri abiti o delle farfalline nel vostro armadio? Probabilmente avete delle tarme dei vestiti nell’armadio.

    Le tarme sono minuscoli insetti che, durante il loro stadio larvale, si cibano di stoffe e tessuti, provocando fori che danneggiano i nostri capi di abbigliamento. Terminato il proprio stato larvale si trasformano in piccole farfalline innocue per la nostra salute, ma pericolose per i nostri indumenti. Le femmine, infatti, depongono le proprie uova nei nostri vestiti, dai cui dopo 2/14 giorni escono minuscoli bruchi, ghiotti di cheratina, sostanza che si trova nei tessuti, nelle coperte e nei capi d’abbigliamento in lana o in seta ma che, in mancanza di questi, possono nutrirsi anche dei vestiti composti da fibre sintetiche o dei tessuti vegetali come il lino e il cotone. 

    Prediligono i tessuti sporchi (ricchi di sostanze rilasciate dalla nostra pelle e dai nostri capelli) e i luoghi umidi.

    Tarme-vestiti-come-scoprirle-larve

    Tarme dei vestiti: come scoprirle

    Adesso che sappiamo tutte queste informazioni, cosa possiamo fare?

    Abbiamo intervistato Donato D’Alessandro, Tecnico Responsabile di AGF Disinfestazioni.

    “Prima di tutto assicuriamoci che non ci sia un’infestazione in corso“. Come?

    1. Larve.

      Le le larve hanno dimensioni molto piccole, sono difficili da individuare ad occhio nudo, ma se ci sono, i capi nel nostro guardaroba avranno dei buchi.

    2. Farfalle.

      Terminato il proprio stato larvale si trasformano in piccole farfalline. Se noterai farfalline svolazzanti nel tuo aramdio, molto probabilmente sarai in presenza di una possibile infestazione in corso.

      Per accertarti della presenza degli insetti e per capire la gravità dell’infestazione puoi utilizzare apposite trappole adesive anti-tarme.”

      Tarme-vestiti-come-scoprirle-farfalle

      Tarme dei vestiti: come eliminarle

      Quindi, in caso di infestazione, come eliminare definitivamente le tarme?

      Ecco cosa ci consiglia il nostro esperto Donato D’alessandro, Tecnico Responsabile di AGF Disinfestazioni, per vincere la lotta contro le fastidiose tarme:

       

      • Igienizzazione e pulizia.

      Mantieni pulito e igienizzato l’interno del tuo guardaroba, la cabina armadio e i cassetti.

      • Arieggiare frequentemente.

      Arieggia frequentemente le stanze dove potrebbero formarsi più facilmente le infestazioni di tarme

      • Lavare i capi indossati.

      Lava accuratamente i capi d’abbigliamento indossati anche se solo per poco prima di riporli nell’armadio.

      • Lavare i capi nuovi.

      Lava accuratamente i capi d’abbigliamento che acquisti e che indossi prima di riporli nell’armadio.

      • Lavare cuscini e coperte.

      Lava regolarmente anche i cuscini, le trapunte, la biancheria, le tende, i tappeti e gli asciugamani che conservi negli armadi.

      Tarme-vestiti-come-eliminarle
      • Conservare in sacchi ad-hoc.

      Conserva gli indumenti che non utilizzi chiudendoli in appositi sacchetti con cerniere o nei sacchetti sottovuoto.

      • Disporre repellenti naturali.

      Utilizza repellenti specifici, come ad esempio la lavanda, per prevenire nuovi insediamenti di tarme.
      (per i rimedi naturali contro le trame vedi il blog sul tema

      • Prodotti anti-tarme certificati.

      Se acquisti prodotti, acquista solo prodotti anti-tarme certificati e registrati regolarmente. Questi prodotti chimici sono particolarmente aggressivi e possono avere controindicazioni per le persone che frequentano l’ambiente. 
      Ecco perché è importante non eccedere e adottare le giuste precauzioni.

      In ogni caso, se ti trovi davanti a una grave infestazione di tarme dei tessuti, la cosa migliore da fare è rivolgerti a un’azienda specializzata nelle disinfestazioni.”

      Tarme-vestiti-come-prevenire

      Cosa faccio con i vestiti nell’armadio?

      Per quanto riguarda i vestiti, è bene lavare a 60° tutti i tessuti che possono essere lavati a tale temperatura, e  congelare in freezer a -18°C per 48 oppure spazzolare per distruggere le uova gli altri.

      IN BREVE

       

      • Controlla se hai un’infestazione in corso nel tuo armadio

      • Igienizza periodicamente l’armadio
      • Non mettere via vestiti indossati o nuovi prima di lavarli
      • Utilizza repellenti naturali come la lavanda
      • Arieggia bene l’armadio
      • In caso di grave infestazione rivolgiti ad un esperto
      Cloudia-Home
      La checklist per togliere tutti gli addobbi di natale

      La checklist per togliere tutti gli addobbi di natale

      La checklist per togliere tutti gli addobbi di natale

      La cheklist per non dimenticarsi gli addobi di natale in giro per casa.

       

      Che bella l’atmosfera Natalizia e tutta la casa addobbata!
      Si bello, finchè non devi togliere tutto!
      Ci sono tanti addobbi natalizi con cui abbiamo addobbato la nostra casa e spesso ci dimentichiamo di toglierli tutti!

      Ecco un pratico elenco per ricordarsi di togliere il natale dalla nostra casa:

      Addobbi-Natale-Presepe
      • 1 L’albero di Natale

      Difficile da dimenticare perchè spesso ingobrante e necessita di accurata puliza quotidiana alla base, dove si va ad accumulare tutta la polvere della casa, soprattutto nella parte posteriore, quella più difficile d raggiungere!

      • 2 Il Presepe

      Lo sapevi che nella tradizione cristiana andrebbe tolto il 2 febbraio, ovvero la festa della Candelora che segna la fine del tempo di Natale? Ma per praticità lo togliamo comunque assieme a tutto il resto.

      • 3 Alberelli

      Cerchiamo tutti gli alberelli di varie dimensioni, con lucine o meno, di vari materiali che abbiamo sparso per le varie stanze della casa.

      addobbi-Natale-candele
      • 4 Candele e oggetti vari

      Legati alla magia del natale, li abbiamo strategicamente posizionati sulle mensole ti tutta casa. Al via la caccia al tesoro!

      • 5 Utensili da cucina:

      Chi non ha la classica tovaglia di Natale?? spesso è accompagnata da canovacci, presine, tovaglioli, piatti, bicchieri e chi più ne ha più ne metta, decorati a tema.

      • 6 Libri

      Chi ha figli, di sicuro avrà libri e libricini che raccontantano le magiche avventure del Natale

      Addobbi-Natale-Maglioni
      •  7 Calze della befana

      Non buttarle, tienile per il prossimo anno ma assicurati che siano vuote prima di metterle via 😉

      • 8 Peluche e simili

      Arrivederci pupazzo di neve, babbo natale, renne ed elfi…

      • 9 Maglioni e vestiti

      Arrivederci anche a tutti quei capi natalizi, maglioni e vestiti, e se non li usiamo più fino al prosimo, possiamo mettere via anche i vestiti di capodanno

      Addobbi-Natale

      Come metteo via tutto?

      Se per tutto il resto vi consigliamo di riporre tutto con cura in confezioni che riparino da polvere e possibilemnte metterli in un posto non troppo umido, per i vestiti, che sono più delicati, vi possiamo aiutare noi: Cloudrobe ritira a domicilio tutti i capi che utilizzi stagionalmente od occasionalmente e li conserva con cura fino a quando ti servono, consegnandoteli a domicilio.

      www.cloudrobe.it

      IN BREVE

       

      • Ricordati di togliere tutti gli addobbi legati al Natale:

      • Albero, Alberelli e Presepe
      • Candele e oggetti vari della cucina
      • Libri
      • Peluche e Cakze della Befana
      • Maglioni e Vestiti
      Cloudia-Home
      0
      X
      Inizia una chat
      Hai bisogno di aiuto?
      Benvenut* su Cloudrobe,
      come posso aiutarti?
      Se preferisci essere richiamat* lasciami il numero e nome.